mercoledì 13 giugno 2012

Soldatesse vittoriane


L'età vittoriana, viene più volte pesantemente sottolineato dai libri di testo e nei romanzi ottocenteschi, è sostanzialmente un'età di pesante abbrutimento delle condizioni della donna, ridotta a oggetto da far maritare, reclusa nella casa borghese e infine costretta ad avvilenti matrimoni d'interesse.

Nutro qualche ragionevole dubbio che la condizione femminile fosse davvero così pesantemente retriva nell'ottocento, ma non avendo ancora sufficienti conoscenze sul periodo vittoriano, mi limito a un sano scetticismo.
Nell'opera "La donna al tempo delle cattedrali", la Pernoud chiaramente smonta ogni pretesa d'oscurantismo nei confronti del medioevo, dimostrando come la donna detenesse pari diritti al maschio: tuttavia nei discorsi da bar non si cessa di considerare l'epoca precedente agli anni 1960 come un lungo, lunghissimo periodo di schiavitù. Ridicolo.

Ad esempio non riesco allora a spiegarmi quest'immagine trovata ieri, rovistando nel ciarpame ottocentesco.


Cito dal PDF da cui ho ritagliato l'immagine:
Arms and armor- uniform illustrated 21- victorian colonial wars- Philip J Haythornthwaite (1988)


"The defence of the Empire was not exclusively a male preserve: pictured here is "A" company Amazonians, 62 nd st John Fusiliers (new Brunswick) The young ladies wear "uniform" styled on that on the current military fashion, including the wide- brimmed slouch hat: however this practical head dress was never intended to be balanced precariously atop an elegant coiffure! The officer wearing the 62nd mess dress and forage cap (bearing a grenade over the regimental number) appears slightly bemused by the presence of so much martial beauty!"
Trovare la versione cartacea del manuale sarebbe una manna dal cielo: è letteralmente ripieno d'illustrazioni di reparti paramilitari e dell'esercito inglese, spesso assai curiose: si passa dal puro orgoglio britannico nelle tradizionali divise rosse in Africa, a foto di reparti "inglesi" di soldati cinesi, al tempo della ribellione dei Boxer.

Ritornando alla foto: la divisa è accertata come gonna lunga, tunica a collo alto, e quel cappello chiamato Slouch Hat, dalle larghe falde, utile per proteggersi dall'umidità e dal sole. La cosa curiosa è il modo con cui viene calzato il cappello militare nella foto: appoggiato sulle 23, quasi fosse il cappellino alla moda della signorina per bene da Parigi. Molto grazioso *__*
Il reparto Amazonians è canadese; le armi sono (credo) fucili Martin- Henry.
Luogotenenti e ufficiali erano maschi, ma il resto del reparto era interamente femminile.

Se trovate altre informazioni al riguardo, o avete correzioni sull'uniforme, commentate, che sono curioso.

Così su due piedi, la compagnia Amazonians sembra un ottimo modello per un racconto che ruoti attorno al concetto di Amazon brigade ^^

sorelle guerriere: esempio di amazon brigade...diverso

2 commenti:

Alessandro Forlani ha detto...

"tuttavia nei discorsi da bar non si cessa di considerare l'epoca precedente agli anni 1960 come un lungo, lunghissimo periodo di schiavitù."

...e in genere quelli che discutono in questi termini nei bar le donne poi le trattano così...

Coscienza92 ha detto...

Già, spesso avvallati dalle stesse donne :P

In effetti la formazione di "base" data dalle superiori offre ormai un'immagine della donna ormai ridotta a stereotipo, oltre che deprimente